WhatsApp a pagamento? Io scelgo Viber

| 26 marzo 2013 | 0 Commenti

Viber

Abbastanza recente è la notizia che il famosissimo Client di Messaggistica Istantanea “WhatsApp” stia diventando a pagamento.

Molti utenti continuano ad utilizzarlo senza aver ancora ricevuto alcun messaggio riguardo a un futuro pagamento, ma tanti altri hanno già pagato e pagheranno.

Il prezzo è molto basso, soprattutto per un App di questo calibro, ma spesso l’utente preferisce trovare soluzioni gratuite alternative.

Per nostra fortuna, una validissima alternativa a WhatsApp esiste e si chiama: “Viber”.

Viber è un client di messaggistica istantanea e permette, inoltre, di chiamare gratuitamente i propri contatti, sempre utilizzando una connessione ad Internet.

Ma vediamo come installarlo e configurarlo.

Installazione e Configurazione

  1. Per prima cosa dobbiamo scaricarlo dal Google Play Store, l’installazione partirà in automatico.
  2. Aprite Viber, vi chiederà di importare i vostri contatti. Accettate. Se chiede anche i contatti da Facebook accettate pure quelli nel caso lo voleste.
  3. Andate su “Altro” e cliccate sulla freccia in alto a destra. Click su “Usa i dettagli Facebook”. In questo modo utilizzerete l’immagine profilo come Avatar su Viber.
  4. Andate su “Altro” -> “Impostazioni” e cliccate “Connetti a Facebook” e, se volete, connettetevi anche a Twitter.

Fine

La configurazione è finita, divertitevi a scrivere e a chiamare i vostri amici. Tutto gratuitamente.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora condividilo nei principali Social Network tramite gli appositi bottoni, ci aiuteresti a crescere!

Tags: ,

Category: Android

avatar

Informazioni sull'Autore: ()

Amante del computer sin dal primo giorno in cui ne vidi uno, dopo il suo ingresso in casa cominciai a studiare e ad approfondire individualmente ogni piccola parte di questo fantastico strumento. Successivamente cominciai a navigare nel profondo ed immenso mare di Internet, scoprendo in tutto e per tutto questa pura passione per l’informatica e per il computer. Questo mi ha spinto ad aprire GeekItalia, un punto di ritrovo per appassionati di informatica come me, che vogliono essere sempre informati su ciò che succede nell’ambito Geek!.